Proposta di modifica costituzionale per ricorso in via principale dei Cittadini alla Corte Costituzionale per far valere la illegittimità di una norma di legge

  • PDF

 

DISEGNO DI LEGGE

 

Modifiche all’articolo 134 della Costituzione

 

Art. 1.

 

L'art.134 della Costituzione è sostituito dal seguente:

 

"Art.134

 

Comma 1. La Corte Costituzionale giudica:

 

-sulle questioni di legittimità costituzionale delle leggi e degli atti, aventi forza di legge, dello Stato, promosse da almeno 300.000 elettori, e delle Regioni, promosse da almeno un decimo degli elettori della rispettiva Regione;

 

-sulle controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi e degli atti, aventi forza di legge, dello Stato e delle Regioni;

 

-sui conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato e su quelli tra lo Stato e le Regioni, e tra le Regioni;

 

-sulle accuse promosse contro il Presidente della Repubblica, a norma della Costituzione.



DISEGNO DI LEGGE

Modifiche alla legge costituzionale 9 febbraio 1948, n. 1 Norme sui giudizi di legittimità costituzionale e sulle garanzie d’indipendenza della Corte costituzionale

Art. 1.

L'art.1 della legge costituzionale 9 febbraio 1948, n. 1 è così modificato:

Art. 1 La questione di legittimità costituzionale di una legge o di un atto avente forza di legge della Repubblica, rilevata d’ufficio o sollevata da una delle parti nel corso di un giudizio e non ritenuta dal giudice manifestamente infondata, oppure proposta da un numero di cittadini elettori non inferiore a 300 mila, è rimessa alla Corte costituzionale per la sua decisione.


 

DISEGNO DI LEGGE

 

Modifiche alla Legge 11 marzo 1953, n. 87, norme sulla Costituzione e sul funzionamento della Corte Costituzionale.

 

Art. 1

 

Alla legge 11 marzo 1953, n. 87 è aggiunto il seguente articolo 24 bis:

 

“La questione di legittimità costituzionale può essere proposta mediante istanza anche da un numero di cittadini elettori non inferiore a 300 mila.

 

L’istanza deve contenere l’indicazione della legge o degli articoli di legge su cui verte la questione di costituzionalità, corredata delle firme degli elettori proponenti e da una relazione sottoscritta da avvocato abilitato all’esercizio innanzi alle giurisdizioni superiori che indichi le ragioni di ritenuta illegittimità costituzionale.

 

Si applicano le disposizioni di cui agli articoli 7, 8 e 49 della legge 25 maggio 1970, n. 352”.

 

Art. 2

 

Al primo comma dell’articolo 25 della legge 11 marzo 1983, n. 87, tra le parole “l'ordinanza” e le parole “con la quale” sono aggiunte le parole “o l’istanza di cui all’articolo 24 bis”

 

Art. 3

 

All’articolo 29 legge 11 marzo 1953, n. 87 è aggiunto il seguente comma:

 

“Il comma che precede non si applica nel caso di cui all’articolo 24 bis”.