Sulla responsabilità economica nella Pubblica Amministrazione - A. Ferrari Nasi

  • PDF

pubbammSono le imprese a perseguire il lucro, non gli enti pubblici. Essi però neanche devono sistematicamente chiudere i bilanci in rosso e generare perdite. Grazie ad una corretta gestione, dovrebbero terminare l'esercizio con i conti in pari, sia si tratti di una piccola amministrazione, sia si tratti di un grande comune, anche Roma o Milano.

Scelte scellerate nella PA, effettuate in buona, ma anche in malafede, portano a sempre più frequenti disastri economici, regolarmente ripianati con i soldi del cittadino tramite il sistema fiscale, integrato dai nuovi modi di far cassa: autovelox? 

In termini generali, i casi più frequenti di danno alla finanza pubblica sono: le trattative private economicamente svantaggiose con violazione delle regole della concorrenza; l'omessa acquisizione di entrate; la progettazione di opere non realizzate; le opere iniziate e non ultimate o ultimate e non utilizzate; le mancate o ritardate iniziative di esproprio; i reati contro la Pubblica Amministrazione; il riconoscimento di debiti non dovuti; la costituzione di società pubbliche inutili, le cosiddette "scatole vuote", o la partecipazione a società pubbliche o miste. La materia è ben conosciuta e razionalizzata, nell'ambito giurisprudenziale, tanto che ad un profano, quale io sono, potrebbe sembrare esserci un corretto e bilanciato sistema di “chi sbaglia, paga”.

tabella1ferrari


Ma io mi occupo di Pubblica Opinione, ovvero cerco di capire cosa viene inteso dalla gente, cioè la società, oltre gli scritti e le parole dette. Ebbene, l'89% degli italiani ritiene che ove un ente pubblico chiuda con i conti in rosso, esso debba fallire, proprio come un'azienda privata, e che, degli amministratori, vengano verificate le responsabilità. Questo significa, oltre gli scritti e le parole dette, che oggi, per la gente, questo non avviene. Rilevare percentuali così alte su un fenomeno sociale mette al riparo da qualsiasi tipo di errore statistico, ma è la somiglianza con dati concettualmente coerenti che garantisce la correttezza dell’interpretazione. In questo senso, riscontrare che per l’88% “sarebbe giusto che gli stipendi dei manager di stato fossero legati ai risultati che ottengono”.

tabella2ferrari

Sono queste le vere falle del sistema italiano, condivise in pratica dalla totalità della popolazione, a cui la classe politica non vuole o non può rispondere, forse anche in qualche modo censurata dalla stessa funzione pubblica, che ha negli anni gonfiato e ipertutelato, quale bacino elettorale. Occorreranno una grande forza e un grande coraggio politico per ovviare a tutto ciò.

 

ferrarinasiArnaldo Ferrari Nasi

sociologo e analista politico

professore a contratto di analisi della pubblica opinione

membro della Società Italiana di Scienza Politica